Psicologo Roma
Zona Nomentano-Trieste.
Primo incontro conoscitivo gratuito
.


Seguimi su Google+

Ognuno ha valore in quanto persona.

Ogni persona ha la capacità di pensare.

Cambiare pensiero può aiutare a migliorare la qualità della propria vita.

Dott.ssa Emma Del Gaudio
Psicologo
Psicoterapeuta


Il Benessere Psicologico individuale è fondamentale per una vita sana ed equilibrata. La psicoterapia aiuta ad affrontare e risolvere i condizionamenti passati, a stare nel presente utilizzando le proprie capacità adulte per superare i problemi e a dare senso e valore alla propria esistenza.


Studio:
Via Chiana, 35
Roma

Si riceve previo appuntamento
tel. 349/6822176
email: emmadelgaudio@hotmail.it
delgaudioemma@gmail.com

partita iva: 11722341002

Seguimi su Facebook

TEMI DI PARTICOLARE ATTENZIONE

Gli attacchi di panico

L'attacco di panico si manifesta con l'improvvisa e veloce insorgenza di un'intensa paura o sensazione di disagio. Spesso si accompagna ad una spinta a fuggire dalla situazione temuta, alla presenza della sensazione di pericolo o minaccia (infatti, può accadere che la persona abbia il terrore di morire, perdere il controllo, d'impazzire o di sentirsi in imbarazzo) e alla manifestazione di sintomi fisici come palpitazione, sudorazione, agitazione, senso di soffocamento, dolore al petto, senso di vertigine, stordimento, ecc.

Normalmente le persone che soffrono di attacchi di panico hanno bisogno di tenere tutto sotto controllo e, quindi, sono incapaci di rilassarsi in qualunque situazione; sono molto vigili e sensibili nei confronti dei segnali del proprio corpo preoccupandosi anche di quelli più banali. Nei casi che ho trattato spesso ho riscontrato che queste persone hanno imparato ad andare in ansia nel corso della crescita a partire da esperienze importanti come quelle con genitori iperprotettivi. Tali esperienze spesso precedono eventi importanti che portano a sviluppare un'ipersensibilità al pericolo fisico e mentale legato a esperienze di vita imprevedibili e pertanto incontrollabili come la perdita o malattia di una persona cara.

In uno dei casi che ho trattato la persona affetta da attacchi di panico era terrorizzata all'idea di spostarsi da sola in automobile, pertanto era costretta a chiedere sempre la compagnia di un amica o un parente. Chiaramente questo problema limitava fortemente la sua autonomia e rischiava di compromettere i suoi rapporti spesso incentrati esclusivamente sul suo bisogno. Nella mia esperienza ha sempre dato buoni risultati aiutare la persona a cogliere il significato del sintomo e la funzione che esso ha nel mantenere un equilibrio, seppur precario, della personalità, al fine di renderla più consapevole e capace di riprendersi il potere di decidere e agire liberamente nella propria vita.

Le dipendenze affettive

Nelle dipendenze affettive, spesso associate a perdita di autostima, indecisione e condotte di evitamento, la persona che ne è affetta desidera fortemente che qualcuno si prenda cura di lei e assume un comportamento sottomesso e dipendente finalizzato al mantenimento del legame.
Queste persone pensano "erroneamente" di essere incapaci di decidere autonomamente, lasciano che gli altri si assumano le responsabilità negli ambiti più importanti della loro vita e hanno estrema difficoltà ad esprimere il proprio dissenso per timore di perdere il supporto e l'approvazione degli altri. Si sentono inadeguate non avendo alcuna fiducia nelle proprie abilità e, nel momento in cui termina una relazione intima, ne ricercano subito un'altra come fonte di cura e supporto.

In questi casi l'obiettivo dello psicologo consiste nell'aiutare la persona dipendente ad emanciparsi da tale posizione, in modo da poter affermare la propria individualità e il bisogno di essere se stessi.
Spesso nei casi che ho trattato, le persone dipendenti pur essendo brillanti e competenti, sono profondamente convinte di non essere all'altezza degli altri, motivo per cui, specie nell’ambito dei rapporti significativi, si rimettono sempre alle decisioni altrui e non si definiscono mai rispetto a ciò che pensano, vogliono e provano.

Senza rendersene conto si comportano nella convinzione che il mondo sia un posto pericoloso e loro non sono equipaggiati per proteggersi e fondano la propria sicurezza e serenità nell'atto di dipendere dagli altri al caro prezzo di rinunciare alla libertà di essere se stessi e decidere con la propria testa. Nella pratica comune, lo psicologo stimola la persona dipendente a riconoscere questo stile relazionale insoddisfacente all'interno di una relazione accogliente ed empatica e sostiene attivamente nella fase di cambiamento affinché la persona possa continuare a sentirsi protetto mentre sperimenta modalità relazionali più soddisfacenti.

Elaborazione della perdita

Ogni volta che finisce un rapporto affettivo, o per motivi di lutto o perchè il rapporto è volto al termine, la persona deve fare i conti con il sentimento di perdita. Quindi, anche quando finisce una relazione sentimentale, indipendentemente se si è nella posizione di chi l'ha subita o di chi l'ha determinata, la persona avverte un dolore interno legato alla separazione. In molti dei casi che ho trattato, le persone che avevano perso il proprio partner venivano da me con la richiesta di capire perchè il loro dolore non passava e perchè ne stavano soffrendo così tanto.

In questi casi, il compito dello psicologo è di aiutare la persona a dare un significato non solo al motivo per cui ha allacciato e mantenuto una relazione d'amore, ma anche alle ragioni che hanno portato alla rottura, perchè spesso succede che le persone idealizzano la relazione passata e ne svalutano gli aspetti negativi per cui hanno difficoltà ad accettare che sia finita.

Nei casi in cui la persona s'innamora sistematicamente di una particolare categoria di partner, lo psicologo l'aiuta a riconoscere se e come tale scelta inconsapevole abbia a che fare con la sua storia passata e, dunque, con il suo malessere in modo da evitare ricadute successive.

Lo psicologo ha anche il compito di sostenere nei casi in cui la persona pensa "erroneamente" di non riuscire a sopportare il dolore che prova e di aiutarla a rinuciare a tale attaccamento paralizzante in modo da investire in nuovi e più nutrienti rapporti.


ultima modifica effettuata il 26 aprile 2014